VALUTAZIONE CASA MONTAGNOLA

Valutazione Casa Roma, lo strumento più affidabile per sapere quanto vale la tua casa alla Montagnola a Roma.
Valutazione online, gratuita ed immediata.

Per avere una valutazione della tua casa alla Montagnola a Roma, puoi affidarti a noi con fiducia.
Possiamo offrirti:

– Vent’anni di esperienza nella valutazione della case a Roma

– Personale qualificato nella gestione e nella compravendita di immobili

– Il 98% dei clienti soddisfatti nella valutazione e nella vendita dell’immobile

Valuta il tuo Appartamento in Zona Montagnola

Valutazione Casa alla Montagnola: VANTAGGI

Se sei alla ricerca di una valutazione per la tua casa a Roma alla Montagnola, puoi contare su requisiti fondamentali della nostra valutazione:

– Ti presentiamo una valutazione affidabile e precisa

– Tempestività nel fornirti la valutazione della tua casa

Valutare la tua casa alla Montagnola con noi è una soluzione ideale per il tuo problema di conoscere l’esatto valore del tuo immobile.

Punti d'interesse primari

Forze di Pubblica Sicurezza

Ospedali

Treni

Aeroporti

Scuole

Porti

Livello di Elettrosmog
Medio 50%
Qualità dell'Aria
Buona

Andamento €/mq su anno precedente

Andamento negli ultimi 5 anni in zona Montagnola

La Storia

Montagnola è il nome di un zona del XI Municipio di Roma. Si estende sul quartiere Ardeatino. Un tempo chiamata Borgata Laurentina prende il suo nome dall’altura che si forma nei pressi dell’intersezione tra la via Laurentina e la via Cristoforo Colombo, abitata agli inizi del XX secolo da immigrati marchigiani e da sfollati del terremoto della Marsica del 1915. Negli anni ’40 vengono erette le prime chiese e tutto intorno sorgono i primi insediamenti abitativi, nonché fabbricati di carattere industriale che vennero eretti nella zona dell’Eur. Tra gli anni ’60 e ’70 la Montagnola si arricchisce di un nuovo sistema stradale più fitto, che la definiscono come quartiere e la rendono autonoma rispetto a Roma centro. Gli immobili esistenti presentano il segno dell’edilizia popolare degli anni ’50 e ’70, con palazzine e condomini di discrete dimensioni e composti da numerose unità abitative. Non mancano infine le linee dell’autobus fornite dall’ATAC e nelle vicinanze si trova la stazione Marconi della Metropolitana e la stazione ferroviaria Basilica di San Paolo, che collegano in maniera adeguata al centro cittadino. Sempre nelle vicinanze si trova l’Ospedale Pediatrico “Bambin Gesù”. Ai giorni nostri il nome è ormai legato principalmente al piazzale dei Caduti della Montagnola, chiamata cosi in ricordo dei 53 caduti italiani del settembre 1943 durante gli scontri tra l’esercito tedesco, i militari italiani ed i civili della resistenza locale. Sul viale Pico della Mirandola c’è poi l’altro grande cuore pulsante della zona, il mercato rionale coperto “Montagnola”. Qui è possibile trovare banchi che vendono, a prezzi popolari, svariati generi alimentari, pesce e frutta. Un must, soprattutto nei giorni primaverili, è quello di farsi preparare un panino in uno dei banchi (costo inferiore ai 3 euro) e poi andare nel carinissimo parco pubblico che sta lì accanto, dove sorge il Casale Ceribelli, oggi sede di un centro anziani e di un centro civico e punto nodale della vita del quartiere. Il loro sacrificio è ricordato dalle croci sulla facciata della chiesa del Gesù Buon Pastore e dal monumento posizionato in principio al centro della piazza ma spostato lateralmente nei recenti lavori del 2005 nei quali la piazza ha subito un ammodernamento totale dell’arredo urbano e la costruzione di un parcheggio sotterraneo. La Montagnola e le zone limitrofi sono un territorio di recente urbanizzazione che però mantiene testimonianze di varie epoche compresa l’antica Roma dal quale proviene il nome di via Grotta Perfetta, derivante dal latino “Horti Praefecti” e poi “Orta Prefecte” riferito a dei giardini di un prefetto della seconda metà del II secolo d.C. Queste aree situate fuori le mura venivano considerate zone agricole ma ospitavano anche alcune ville rustiche romane, diversi santuari pagani, cave, tombe private ed i Granai di Nerva imperatore nel I sec. d.C.

La zona che in gran parte conserva le testimonianze di allora è la tenuta Tor Marancia ormai parte integrante del Parco Regionale dell’Appia Antica. La tenuta probabilmente prende il nome da “Amaranthus”, liberto della famiglia dei Numisi. Sul territorio della tenuta sono presenti: una tomba ipogea, le antiche cave di tufo, una catacomba nei pressi dell’Annunziatella, le catacombe di Domitilla a nord ed i resti della villa dei Numisi nel cuore della tenuta. Nel medioevo la zona agricola ormai abbandonata fu risollevata dalla Chiesa mantenendo intatta la sua vocazione agricola ma non solo, costruendo anche chiese di campagna e svariate torri di avvistamento, ne resta una inglobata nel casale Grotta Perfetta. Nei secoli successivi l’area vede l’espansione di un sistema di latifondi ed un aumento di pascoli in luogo alle coltivazioni fino alla bonifica che dal ‘800 riporta man mano all’attività agricola tipica dell’Agro Romano con i suoi insediamenti incentrati nei casali rustici. Tra il 1877 ed il 1891 viene costruito un sistema difensivo chiamato “campo trincerato” formato da 15 forti e 4 batterie posti intorno alla città a circa 4/5km dalle Mura Aureliane. Di questi forti ne troviamo due nelle vicinanze, il forte Ostiense ed il forte Ardeatino. Dal ‘900 con l’espansione di Roma tutto intorno crescono le aree Tor Marancia, Eur, San Paolo, Garbatella e lungo le arterie principali (Colombo, Laurentina, Grotta Perfetta) nascono piccole borgate spontanee che pian piano si fondono fino ad arrivare alla congestione totale dei giorni nostri.

Ricevi la tua valutazione

SU WHATSAPP!

ricevi la tua valutazione

su whatsapp!

Compila correttamente i campi di seguito: